Francais English





Dove siamo
Contatti
Prenota
Orari
Tu sei qui: Homepage > Cultura > il forte di Bard
il forte di Bard
ZOOM - Forte di Bard di notte
Già con Teodorico, agli inizi del VI secolo d.C., esisteva a Bard una guarnigione composta da sessanta armati che difendevano le cosiddette "Clausuræ Augustanæ", sistema difensivo costituito per proteggere i confini dell'Impero.
Nel 1034 viene definito "inexpugnabile oppidum", ed è questo uno dei più antichi riferimenti ad un castello in Valle d'Aosta. Nel 1242 entrano in possesso della signoria di Bard i Savoia, con Amedeo IV, spinti dalle insistenze degli abitanti della zona, stanchi dei soprusi di Ugo di Bard, che, forte della posizione del suo castello, imponeva pesanti balzelli a viaggiatori e mercanti.
Da quel momento, il castello dipende sempre dai Savoia che vi tengono una guarnigione. Nel 1661 addirittura vengono concentrate a Bard le armi provenienti dalle altre fortificazioni valdostane, tra cui Verrès e Montjovet.
Il castello diventa protagonista poi in occasione del passaggio dell'esercito francese nel 1704 e soprattutto del arrivo di Napoleone Bonaparte che, nel maggio del 1800, trova asserragliata nel forte una guarnigione formata da 400 austriaci. Le strutture difensive del forte erano talmente efficaci che l'armata napoleonica impiegò circa due settimane per superarle, riuscendovi solo con l'astuzia. Il forte viene poi fatto smantellare da Napoleone, per evitare, in futuro, ulteriori problemi.
Quello che vediamo oggi è il rifacimento voluto da Carlo Felice, in piena Restaurazione, che, a partire dal 1830, ne fece una delle strutture militari più massicce in Valle d'Aosta. Alla fine dell'800 il forte si avvia al declino: utilizzato come bagno penale prima e come deposito di munizioni poi. Viene dismesso nel 1975 dal demanio militare e acquisito dalla regione Valle d'Aosta nel 1990.

Il Forte ospita il Museo delle Alpi e mostre temporanee.

Armanac de Toubie di CI.LE. S.r.l - frazione Clapey, 21- 11020 - Arnad (AO) Italia - tel/fax +39 0125 966939
P. I. - C. F. - Reg. Imprese: 01040500074 trib. (AO) - cookie